Precauzioni

Campagna di sensibilizzazione contro "furti di sabbia" dalle spiagge sarde

La moda di portarsi via bottiglie di sabbia e conchiglie durante le vacanze in Sardegna, come souvenir o regalo per familiari e amici, ha assunto dimensioni allarmati in particolare quest'estate, caratterizzata da flussi turistici straordinari concentrati sulle coste dell'isola

Cagliari, 12 set. - Contro i sempre piu' frequenti furti di sabbia, ciottoli e conchiglie dalle sue meravigliose spiagge e dal mare, la Regione Sardegna promuovera' periodiche campagne di sensibilizzazione per informare i bagnanti sulle gravi conseguente ambientali di questi comportamenti e anche sulle sanzioni. Le multe sono state introdotte con la legge quadro regionale sul turismo approvata dal Consiglio regionale a fine luglio, oggi integrata con un emendamento dei Riformatori sardi in Aula, che prevede, appunto, l'impegno della Regione a sensibilizzare i frequentatori delle spiagge dell'isola. Sono previste multe dai 500 ai 3mila euro.
La moda di portarsi via bottiglie di sabbia e conchiglie durante le vacanze in Sardegna, come souvenir o regalo per familiari e amici, ha assunto dimensioni allarmati in particolare quest'estate, caratterizzata da flussi turistici straordinari concentrati sulle coste dell'isola. Il fenomeno, in alcuni casi immortalato da video diffusi sui social da bagnanti che hanno provato a fermarlo, sta progressivamente depauperando alcune delle spiagge piu' belle dell'isola, come quelle dai granelli simili a chicchi di riso del litorale di Cabras (Oristano).

Categoria: