attività commerciali

Sardegna: crollano i negozi sotto il peso della crisi

"Il ceto medio basso si rivolge sempre più spesso al mondo della contraffazione e degli acquisti a basso costo", aggiunge Bolognese. "E' anche certo che la grande distribuzione è entrata in maniera prepotente ed è l'ennesima prova della politica fallimentare della deregulation del decreto Monti.

Secondo dati Confesercenti, si sono ridotti del 17,7% negli ultimi dieci anni, percentuale che colloca l'isola al quarto posto in Italia dopo Valle d'Aosta (-21%), Sicilia (-20,8) e Piemonte (-18,6). Quanto al commercio ambulante, il calo è stato molto più contenuto, pari all'1,4%.
 
Cresce, invece, il settore ricettivo, tra alloggi e ristorazione. All'incremento medio nazionale del 15%, gli alloggi turistici in Sardegna - evidenzia Conferesercenti - sono cresciuti del 30%, al quinto posto dopo altre regioni del sud in forte espansione turistica come Puglia (+76,9), Sicilia (+47,7), Lazio (+45,5), Basilicata (+40,5).
 

 "La selezione naturale purtroppo è un processo irreversibile cui dobbiamo far fronte", è l'analisi di Roberto Bolognese, presidente Confesercenti Sardegna, in riferimento alla crisi del commercio in sede fissa, "considerato l'eccesso dell'offerta che in questi anni è diventata esponenziale e che la domanda si è contratta in seguito alla crisi. C’è stato un cambio di usi e costumi, si va più facilmente al ristorante che ad acquistare abbigliamento, un po' forse per esorcizzare la crisi attraverso la socialità".

 

"Il ceto medio basso si rivolge sempre più spesso al mondo della contraffazione e degli acquisti a basso costo", aggiunge Bolognese. "E' anche certo che la grande distribuzione è entrata in maniera prepotente ed è l'ennesima prova della politica fallimentare della deregulation del decreto Monti. I nostri centri urbani si stanno svuotando, la rotazione- aperture e chiusure - è velocissima, le grandi famiglie che tramandavano di generazione in generazione le attività sono scomparse. E' processo che a noi non piace. Una involuzione negativa in cui a vincere è sempre il più forte".

 
Quanto al comparto "vacanze", secondo Confesercenti è sicuramente stimolato dall'aumento dei flussi turistici, dovuti spesso all’instabilità politica e di sicurezza degli altri Paesi. "E' certo che ad aumentare sono state prevalentemente le tipologie extralberghiere", commenta Gian Battista Piana, direttore Confesercenti Sardegna, "come affittacamere e agriturismo, i quali richiedono una minore immobilizzazione di investimenti, e in alcuni casi l'emersione del sommerso, anche se su questo fronte c’è ancora molto da fare".
 
   Il settore pubblici esercizi e ristorazione in Sardegna segna un aumento del 17,8%, influenzato da nuovi stili di vita che si sono affermati in questi anni: nonostante un discreto turn over con aperture e chiusure - evidenzia l'organizzazione di categoria, resta sempre un settore vivace dal punto di vista imprenditoriale in quanto ha un alto utilizzo di manodopera, il cui sviluppo ha un forte impatto sull'occupazione.

Categoria: