Urbanistica

Governo impugna legge ediliza Sardegna

"Alcune norme prevedono interventi che si pongono in contrasto con le norme fondamentali in materia di paesaggio contenute nella legislazione statale, eccedendo in tal modo dalle competenze statutarie attribuite alla Regione Sardegna dallo Statuto speciale di autonomia, e violando l'art. 117, secondo comma, lettera s), della Costituzione"

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni, ha deciso "di impugnare la legge della Regione Sardegna n. 11 del 03/07/2017, recante 'Disposizioni urgenti in materia urbanistica ed edilizia. Modifiche alla legge regionale n. 23 del 1985, alla legge regionale n. 45 del 1989, alla legge regionale n. 8 del 2015, alla legge regionale n. 28 del 1998, alla legge regionale n. 9 del 2006, alla legge regionale n. 22 del 1984 e alla legge regionale n. 12 del 1994'". Lo rende noto un comunicato di Palazzo Chigi.
   "Alcune norme prevedono interventi che si pongono in contrasto con le norme fondamentali in materia di paesaggio contenute nella legislazione statale, eccedendo in tal modo dalle competenze statutarie attribuite alla Regione Sardegna dallo Statuto speciale di autonomia, e violando l'art. 117, secondo comma, lettera s), della Costituzione", spiega la nota.
La legge impugnata dal governo e' quella approvata dal Consiglio regionale il 27 giugno scorso, con 28 voti a favore e 14 contrari, che prevede "Disposizioni urgenti in materia urbanistica ed edilizia". Il provvedimento modifica e aggiorna sei leggi regionali in materia urbanistica, fra le quali la n.23 del 1985, vecchia di 32 anni. Fra le novita' della nuova normativa (definita' di "manutenzione"), l'introduzione nell'ordinamento regionale di facilitazioni in materia edilizia per rendere l'iter per autorizzazioni piu' semplici e chiari sia per le imprese che per i cittadini quali la Cila (comunicazione di inizio lavoro asseverata), e della Cil, (comunicazione di inizio lavori). Viene inoltre classificato come "litorale metropolitano" il tratto di costa fra Sorso e Sassari. La legge modifica e amplia l'elenco delle opere soggette a Scia (Segnalazione certificato di inizio attivita'), rivede le procedure per adottare approvare i piani urbanistici comunali e intercomunali e la norma sui Piani di utilizzo dei litorali dei Comuni costieri.

Categoria: