Radio Alter on the road

Messaggi dagli Extraterrestri e Crop Circle i Cerchi sul Grano

Piergiorgio Caria durante la conferenza
Non abbiamo la presunzione di porci come “egocosmoantropocentrici” (nuovo neologismo), ma neanche quella di non lasciare libero pensiero alla fantasia fantascientifica.

Radio Alter on the Road Communications riprende le sue attività ed incontri. Sabato, al centro “Salomè” di Cagliari, abbiamo incontrato Piergiorgio Caria relatore della conferenza sui diversi messaggi che gli extraterrestri ci stanno lasciando a noi terrestri, abitanti irrispettosi di questo pianeta terra che ci sostiene e ci alimenta. Ad ogni lettore il libero arbitro di credere o non credere che esistano altre forme di vita, altre dimensioni e spazi temporali nell’universo. Non abbiamo la presunzione di porci come “egocosmoantropocentrici” (nuovo neologismo), ma neanche quella di non lasciare libero pensiero alla fantasia fantascientifica. Ad ognuno il proprio “libero arbitrio”. Per noi di Radio Alter on the Road Communications il “mondo è bello perché è vario” e perché esiste la libertà di pensiero e di pensare e di riflettere.

A cura di Paula Pitzalis e Antonio Piludu

 

L'uomo e lo spazio: chi è appassionato di fantascienza non avrà “difficoltà” a pensare che da qualche altra parte nel cosmo esistano forme di vita intelligenti, abituati a scontri tra pianeti, guerre stellari, viaggi nel cosmo. Il cinema e la letteratura in primis, hanno sempre posto questo dilemma della vita oltre il nostro pianeta. Orson Welles, raccontò in diretta radiofonica l'arrivo degli extraterrestri, scatenando il panico tra la gente, che seppur non credeva alla loro esistenza, un po di paura la ha avuta ed è scappata come tutti gli altri, sino a che non è stato svelato che si trattava di un racconto “La Guerra dei Mondi” scritto proprio da Welles.

Bisogna poi scindere ciò che il cinema ci ha sempre proposto, da ciò che viviamo tutti i giorni, ma i dubbi di ogni uomo ci sono e ci saranno sempre e rimarchiamo dubbi. Per ora il 90% della popolazione mondiale non crede che sulla terra possano essere arrivati ufo, con extraterrestri a bordo, molti non credono ai rapimenti di esseri umani, portati sulle “astronavi” per i loro esperimenti, altri non credono ai cerchi sul grano, nati in pochi minuti nei campi, anche se in questo caso c'è di mezzo la mano dell'uomo che ha creato alcune burle.

Ma per molti non è così; credere che esistano non è un delitto e ci sono studiosi che ogni giorno si dedicano a capire e verificare quanto i “testimoni” affermano, partendo da un avvistamento in cielo, il contatto con un alieno o il proprio rapimento. Lasciamo ai lettori la libertà di credere o no.

Antonio Piludu

 

Intervista a Piergiorgio Caria

Piergiorgio quando ti sei avvicinato all’Ufologia?

Mi sono avvicinato all’Ufologia nel 1988. Allora lavoravo in ferrovia e facevo il macchinista. Un collega di lavoro mi parlo di un certo signore che aveva contatti con gli extraterrestri e la cosa mi stupì molto perché nell’ingenuità dell’epoca pensavo che una notizia così dovesse fare il giro del mondo. Non avevo nessuna idea del così detto “Cover up” cioè “dell’insabbiamento” che i poteri hanno posto in essere su questa presenza. Poi incontrai questo signore, premetto che io ebbi già ebbi, fin da bambino, esperienze di avvistamento qui in Sardegna, io sono di Baratili San Pietro in provincia di Oristano, e quando incontrai questo signore, Eugenio Siragusa, catanese, lui mi aprì un mondo di conoscenza del quale non ne avevo la più pallida idea. Quindi da lì ho iniziato un percorso di crescita e di esperienze. Alla fine ho lasciato il lavoro in ferrovia; sono diventato documentarista. Ho collaborato con televisioni nazionali ed internazionali, sia la RAI pubblica che televisioni private, o nella veste di documentarista o nella veste di esperto. Brevemente questa è la mia storia e oggi mi dedico soprattutto a divulgare direttamente alle persone queste importantissime informazioni che riguardano il presente ed il futuro dell’umanità.

Eugenio Siragusa, con l’Ufologia, si pone anche il problema etico e sociale di molte tematiche del pianeta terra con una fortissima sensibilità, annunciando il declino dell’umanità a causa dei conflitto bellici e del nucleare; però esiste anche un altro tipo di Ufologia, come l’ufologia di Corrado Malanga e tantissimi altri mietono il terrore nelle persone verso gli extraterrestri. Conosco molti amici che sottoponendosi a queste ipnosi regressive hanno ancor di più danneggiato la loro psiche. Come può una persona effettuare un’ipnosi con altri incarichi e spaventare le persone sul fatto che si è stati rapiti dagli alieni e che dentro di sé ha un alieno. Esiste un’ufologia terrorista e un’altra ufologia che apre gli occhi su quello che sta avvenendo nel mondo da parte degli umani stessi e dalle forze di potere?

Per comprendere questa dicotomia strana e a volte apparentemente assurda dobbiamo che la visita extraterrestre è la nemesi che il potere teme perché la manifestazione extraterrestre porrebbe fine al sistema di potere così come lo conosciamo proiettando l’umanità verso una società più equa e più giusta. Quindi i potenti del mondo, che vivono vampirizzando i popoli, hanno terrore che questi esseri atterrino e quindi loro hanno messo in atto il “Cover up” (nascondere), che coinvolge i servizi segreti, militari e scienziati.

Come i famosi “Men in Black” che vediamo nei film?

Certo i Men in Black non solo sono una parte di tutto l’occultamento, della censura e della manipolazione, diciamo che sono un aspetto di questa manipolazione. Ora là dove pseudo ricercatori che attraverso le loro pseudo ricerche e derive psicologiche, perché l’uomo al di là dell’essere un ricercatore è anche un essere umano che può avere mille problemi o mille devianze psichiche, ecco i potenti appoggiano e non disturbano certi personaggi perché fanno comodo al sistema. Quindi il personaggio in questione che non ha nessuna competenza scientifica e professionale per potere fare ipnosi non viene fermato da nessuno perché fa comodo al sistema. Quindi ciò che ha a che fare questa persona non ha a che fare con gli extraterrestri ha a che fare con altri tipi di entità che invadono o disturbano le persone e che sono entità demoniache, quindi sono più argomenti da esorcista che di ufologia. Ora il problema è che io il discorso lo ho affrontato con altri colleghi ricercatori e ho conosciuto gruppi di professionisti , tra virgolette ufologi, perché non è una professione che esiste, ma ricercatori che si dedicano a questo, e avevamo intenzione di denunciare per abuso di professione medica ma questa denuncia non è mai venuta in essere . Ebbi modo di parlare con esponenti di un’importantissima associazione nazionale che si propone come coloro che difendono l’ortodossia della scienza, e abbiamo denunciato insieme ad altri autorevoli ufologi questo tipo di discorso e ci è stato risposto sulla faccia che questo tipo di personaggi loro non li toccano. Fanno comodo.

Forse fanno parte anche loro dei Servizi Segreti o della CIA ?

Io nello specifico credo di no perché loro osservano chi si pone al pubblico con questi temi e tipo di ambienti e se fa comodo al loro tipo di sistema l’appoggiano occultamente e non la disturbano ma la fanno andare avanti. Mentre invece che diffonde notizie vere viene perseguitato e questo è il caso di Eugenio Siragusa che è stato incarcerato ingiustamente e poi è stato liberato perché le accuse sono cadute.

Il caso Zanfretta, questo uomo rapito dagli alieni e obbligato alla manutenzione di un manufatto alieno?

Il caso Zanfretta è un caso assolutamente reale e poi tutto quello che Fortunato Zanfretta ha messo in essere negli anni successivi su alcune cose…

Si parla molto in televisione del suo rapimento alieno e che viene obbligato a custodire un macchinario alieno

Io credo un po’ che Fortunato Zanfretta su qualcosa esageri

Ha subito di sicuro un grande shock da questa esperienza

Sicuramente la sua vita, come tutti coloro che si sono trovati davanti a questa realtà, ne è uscita stravolta. Ha perso il lavoro, è stato abbandonato dalla famiglia ma questo in una forma positiva è accaduto anche a me, nel senso che ho lasciato il lavoro e oggi vivo una vita solo perché ho avuto questa esperienza e mi sono impegnato in questa realtà. Poi dipende dall’essere umano. Ribadisco ci sono persone che riescono a mantenere un equilibrio e ce ne sono altre che non riescono a mantenerlo perché le forze che ti si scatenano contro quando tu entri effettivamente in questo ambito sono molto forti.

Cerchi nel grano” che cosa ci trasmettono e queste “Sfere di luce” cosa sono?

Eugenio Siragusa chiamava le “Sfere di luce” “sincronizzatori” . Sono delle “Sonde Telemetriche” che gli extraterrestri usano come sonde di monitoraggio; so che possono attraversare la materia e quindi da masse solide metalliche possono diventare masse di pura energia e quindi attraversare i muri e diventare invisibili , ascoltare gli incontri segreti dei potenti, possono influenzare l’anima di un essere umano e spingerla, se c’è già una base di valori verso il positivo. Possono fungere da ponte di trasmissione per mettere una persona in contatto con l’astronave. Hanno un sacco di funzioni, compresa quella di creare immagini simboliche nel cielo per trasmettere un messaggio.

Come i Cerchi nel grano?

I cerchi nel grano vengono effettuati dalle “sfere di luce” . Vi sono dei filmati che lo provano; a volte lo fanno in maniera invisibile, c’è la sfera ma non si vede, perché esistono molti filmati dove invece si vedono.

Sonno messaggi criptati o messaggi algoritmi come la formula di Fibonacci?

Ci sono due aspetti. Ci sono Cerchi ne grano che hanno un messaggio prettamente scientifico. Magari sono codici di matematica binaria o sono codici chimici, ecc. Questa forma di comunicazione viene da loro definita cosmico scientifica. Negli ultimi anni, soprattutto a partire dalla comparsa di due pittogrammi nei cerchi nel grano, che messi insieme formavano il volto del Cristo, c’è stato un messaggio degli extraterrestri che hanno annunciato che a partire da quell’anno sarebbero apparse sempre di più immagini a carattere simbolico spirituale, per annunciare che siamo nel tempo della seconda venuta di Cristo. Quindi il volto di Cristo, il calice della comunione, la croce cristiana, e tante simbologie che io ho verificato. Questo anno è apparso un bellissimo simbolo di geometria sacra del “ Vesica Piscis “ che conteneva nel suo centro l’immagine stilizzata della “Vergine di Guadalupe” . Quindi ci stanno dando messaggi di tipo messianico, perché principalmente la presenza degli extraterrestri ha una valenza messianica. Cioè sono dei segni escatologici che indica che siamo nel tempo della seconda manifestazione di Gesù Cristo.

Quindi dobbiamo prepararci?

Dobbiamo prepararci perché il messaggio cristiano non è un messaggio di credo religioso ma il Cristianesimo è una forma di vivere. Il Cristianesimo è azione. Il Cristianesimo è azione sociale. È lavorare. Il cristiano ha il dovere di lavorare per migliorare la società nella quale vive e ha il dovere di opporsi a tutti quei movimenti degenerativi che tendono a distruggere la società. Quindi i “credo” non servono a niente. Sono solo inganni del sistema istituzionale che è diventato un sistema di potere che preferisce avere dei fedeli beoti piuttosto che degli attivisti che lottano attivamente per migliorare la società.

 

Paula Pitzalis

 

 

Categoria: